(IN) Netweek

SESTO SAN GIOVANNI

Il PD sestese 'contesta' le politiche sociali della Giunta: "A rischio il welfare cittadino"

Share

Il PD di Sesto ci invia il comunicato che pubblichiamo


La fondazione è fumo negli occhi





Il Sindaco mette a rischio tutto il WELFARE cittadino.





Bambini, disabili, famiglie, lavoratori e pensionati sestesi sono tutti coinvolti dalla manovra politica di Di Stefano: creare una fondazione per gestire i servizi dagli 0 ai 99 anni, senza nessun tipo di competenze specifiche e con una gestione confusa, tutto fumo negli occhi.





Roberto Di Stefano ha deciso di aumentare tasse e tariffe per tutti i sestesi e di tagliare di 1,2 milioni le risorse per il sociale, portando così ad avere meno diritti e meno tutele per tutta la comunità e gravando sulle situazioni più fragili e critiche. Sulle spalle dei lavoratori e delle famiglie viene scaricato il costo delle scelte politiche del Sindaco. Ma oltre al danno la beffa: non solo aumentano al massimo le tasse, 9 milioni in più all'anno, ma come sempre si nasconde dietro ad artifici tecnici e paroloni per eludere le proprie responsabilità politiche e nascondere le proprie incapacità amministrative.





Questa maggioranza si è abbattuta sui servizi educativi: i primi a passare ad una diversa gestione saranno infatti due nidi il BOCCACCIO e il TONALE, dopo che lo scorso anno era già stato chiuso il XX SETTEMBRE ed esternalizzato Piccoli e Grandi. Il Sindaco si è quindi rimangiato la promessa elettorale firmata prima del ballottaggio e con questi atti dimostra di voler condannare la qualità dei servizi educativi.





Oramai è chiaro: a Di Stefano non interessano le eccellenze della nostra città, per questo sta creando frettolosamente un ente che fatto così rischia di essere un carrozzone, mimando malamente esperienze fatte in altri contesti ma che nulla hanno a che vedere con la situazione di Sesto. Non c'è nessuna emergenza: si tratta di pura e semplice volontà politica. Come può un ente costituito in poche settimane mantenere gli standard qualitativi con personale assunto senza concorso e pagato poco e contemporaneamente gestire servizi per bambini, disabili ed anziani?





Il Partito Democratico ritiene che la forma nella quale i servizi possano essere funzionali e funzionanti per Sesto è che essi siano integrati in un percorso che tenga conto della storia e della qualità prestigiose degli stessi in città e delle necessità in continuo mutamento dei bisogni dei nostri concittadini. Per questo rigettiamo con forza sia il metodo che il merito della fondazione e chiediamo che l'approvazione della stessa sia rinviata, che vengano aperti tavoli di confronto sulle necessità dei cittadini sestesi e sulle modalità di gestione dei servizi con tutte le opposizioni politiche, le associazioni coinvolte, i comitati presenti in città, il terzo settore, le rappresentanze sindacali dei lavoratori e dei pensionati. Poiché solo attraverso una grande partecipazione si potranno fare passi avanti e non clamorosi passi falsi.

(Nicola Lombardo - Segretario Cittadino Partito Democratico Sesto S. Giovanni e Roberta Perego, Capogruppo PD Consiglio Comunale)

Leggi tutte le notizie su "Sesto Notizie"
Edizione digitale

Autore:snz

Pubblicato il: 08 Aprile 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Lascia un commento:

Pubblico Privato

Titolo

Messaggio