(IN) Netweek

SESTO SAN GIOVANNI

Il Comune di Milano in campo per "sistemare" gli occupanti dell'ex Alitalia: per loro alberghi e residenze sociali

Share

Dopo lo sgombero a Sesto San Giovanni del residence sociale 'Aldo dice 26x1' il Comune di Milano ha offerto soluzioni abitative temporanee a circa 40 nuclei famigliari che hanno minori a carico e situazioni di fragilita', come persone disabili o con gravi patologie. Lo ha spiegato l'assessore alla Casa del Comune, Gabriele Rabaiotti, a margine di una conferenza stampa, parlando dell'esito dell'incontro di ieri con una delegazione del collettivo. "Si tratta di soluzioni temporanee - ha detto - come alberghi convenzionati, residenze sociali e locazioni concordate transitorie di massimo 18 mesi. Le 40 famiglie hanno fatto praticamente tutte domanda di casa popolare in deroga, che verranno verificate dalla commissione e se avranno i requisiti entreranno in una casa. Non perche' occupanti ma perche' prima erano famiglie senza casa soggette a sfratto dal libero mercato". La circolare del Viminale contro le occupazioni abusive "non ci ha stravolto perche' a Milano ha sempre concordato e pianificato gli sgomberi al tavolo con Prefettura, Questura e Regione". Nel frattempo una parte di attivisti e sfrattati ha occupato un altro stabile a Milano.

Leggi tutte le notizie su "Sesto Notizie"
Edizione digitale

Autore:snz

Pubblicato il: 05 Settembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Lascia un commento:

Pubblico Privato

Titolo

Messaggio